Con Polar CS400 da Balmuccia a Carcorofo.

carcoforo_1.jpg

E’ stato uno dei protagonisti assoluti della stagione scorsa dalle pagine del ns.Blog.
La Sua rubrica, In Bici con il Mio Polar, ci ha fatto conoscere le salite più belle ed affascinanti da cui concedersi panorami mozzafiato.

Lui, Medico specialista in Medicina Interna, si tiene in forma con la bicicletta con una passione a cui segue sempre una personale sfida : le grandi salite da completare, da solo, senza mai mettere i piedi a terra !

Lo ha fatto curando la propria rubrica in ogni dettaglio e condividendo con noi i più bei panorami naturali, cornice dei laghi padani, le valli e le vette alpine…

Ad ogni salita ha fatto seguito una attenta analisi resa possibile dal Polar CS400, il Bike Computer di Polar nato per chi vuole migliorare ad analizzare al meglio le sue performance che grazie all’inclinometro consente anche di misurare la percentuale di pendenza del percorso in tempo reale ma non solo…il dislivello scalato, la frequenza cardiaca media durante l’ascesa, la pendenza media della salita, ecc…

Ne sono nate schede uniche, tecnico e descrittive da cui trarre preziose informazioni : ciascuna di queste è stata  valutata (da 0 a 10) in base alle pendenze, lunghezze, esposizione al sole, all’altitudine e alle temperature con suggerimenti in merito all’abbigliamento ed ai rapporti anteriori e posteriori minimi consigliabili.

Sempre con un occhio di riguardo alla cartografia consigliata per organizzare al meglio il tour per poi dare spazio ad altri dati tecnici come l’altimetria del luogo di partenza, quello di arrivo, la pendenza media e massima da affrontare, la lunghezza totale del percorso e un giudizio alle condizioni del fondo stradale.

Dopo la pausa legata al Natale ricomincia questa preziosa collaborazione con una salita dalle difficoltà ciclistiche minime, un ideale allenamento con cui iniziare la stagione ed allo steso tempo l’occasione per gustare pienamente il selvaggio ambiente naturale che la circonda.

E’ la salita verso Carcoforo in Val Sermenza,  valle laterale della Valsesia, nella provincia di Vercelli : un comune di soli 73 abitanti, posto ad una altitudine di 1304 metri, considerato secondo la rivista Airone il villaggio ideale d’Italia ed in passato Comune Italiano con il minor numero di abitanti in assoluto.

Punteggi. Difficoltà 6,5. Valore paesaggistico 7.

Equipaggiamento speciale. Giacca anti-vento per la parte iniziale della discesa. Zainetto idrico o borracce con capienza totale di 500 ml. Io ho portato anche il mio inseparabile Polar CS400, azzerando il chilometraggio e tarando l’altitudine a Balmuccia (560 m).

Rapporti consigliati. La salita può essere affrontata senza preoccupazioni con un 34 anteriore e un 24 posteriore (o accoppiata equivalente).

Descrizione del percorso. In automobile. Si raggiunge Borgosesia costeggiando la sponda ovest del Sesia (in pratica da Gattinara), in modo da non dover attraversare la cittadina. Si segue la tangenziale per Varallo / Alagna. All’uscita di Borgosesia, sul ciglio sinistro della strada, ci sono alcune piazzole ove è possibile lasciare l’auto. La salita inizia solo dopo Varallo, cosicché si hanno a disposizione circa 15 km per il riscaldamento.

In bicicletta. Si segue sempre la SS 299 in direzione di Alagna. Giunti all’altezza di Varallo si prosegue sulla tangenziale e quindi, oltre Varallo, fino a Balmuccia. A questo punto si segue la deviazione sulla destra per Rima / Rimasco/ Carcoforo. A Rimasco, in pieno paese, al bivio per Rima / Carcoforo si prosegue sulla destra (Carcoforo). La salita, da questo punto, mantiene pendenze dolci e uniformi intorno al 6-7%.

carcoforo.jpg

Dati tecnici (rilevati con Polar CS400). Salita da Balmuccia a Carcoforo (1304 m): lunghezza 17 km; pendenza media 4,2%; pendenza massima 12%; tempo necessario circa 1 ora. La temperatura a valle era di 25°C.

Esposizione. La salita a Carcoforo, a partire da Rimasco, è in gran parte al sole.

Punti di ristoro. Si incontrano fonti acqua sul margine destro della strada, all’uscita di Bettola, poi a Balmuccia (subito dopo la deviazione per Rima dalla SS 299), a Boccioleto, a Fervento e circa 1 km dopo Fervento. Inoltre nel pieno centro di Rimasco, proprio al bivio Rima/Carcoforo, a Ferrate e infine a Carcoforo.

Traffico motoristico. Da Balmuccia a Rimasco è moderato; da Rimasco a Carcoforo scarso.

Fondo stradale. Ottimo fino a Rimasco; buono da Rimasco a Carcoforo.

Impressioni. La salita scorre tranquilla e uniforme tra i prati e le colline nella Val d’Egua, aperta e soleggiata. È una buona salita di allenamento con cui iniziare la stagione.

carcoforo_2.jpg

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
Be Sociable, Share!

Scrivi un commento