Polar CS 400 – Sui pedali verso “il Paese della Musica”

quarna_10.jpg

“La lassù a mezzomonte ove il cielo è ampio all’orizzonte si erge un frammento d’una stella e questa è Quarta tanto bella“

Sono i panorami da Quarna, grazioso villaggio montano dall’Alto Cusio, posto sulla sponda nord occidentale del Lago d’Orta a circa novecento metri d’altitudine, quelli che il ns. GianLuca ci riserva in questo nuovo post de “in Bici con il Mio Polar”.

Una bella vista su tutto il Lago, sul Mottarone e gran parte della Pianura Novarese e Padana fino all’Appennino Ligure.

Situata in un’ampia conca verde Quarna è il “Paese della Musica” per via della secolare produzione di strumenti musicali a fiato ove è possibile visitare anche un Museo dedicato in cui sono esposti strumenti musicali e vengono illustrate le tecniche artigianali di costruzione.

Punteggi. Difficoltà 6. Valore paesaggistico: 9

Equipaggiamento speciale. Zainetto idrico o borracce con capienza totale di almeno 1000 ml (1500 ml se il clima è molto caldo). Io ho portato anche il mio inseparabile Polar CS400, tarando l’altitudine e azzerando il chilometraggio al bivio per Quarna di Cireggio (367 m).

Descrizione del percorso. In automobile. Si raggiunge Gozzano e da qui si seguono le indicazioni per S. Maurizio d’Opaglio. L’auto può essere lasciata appena fuori Gozzano, nel parcheggio del campo sportivo, sulla sinistra. L’entrata del parcheggio è limitata da barre orizzontali poste a 2,5 m di altezza; quindi attenzione alla bicicletta se la trasportate sul tetto dell’auto ! In bicicletta. L’intero percorso proposto è lungo circa 60 km. Si percorre tutto il lungo lago in direzione di Omegna, tra boschi e prati. Dopo circa 15 km, superato Brolo, la strada declina verso Cireggio e qui, appena prima della discesa finale verso Omegna, sulla sinistra c’è la deviazione per Quarna, indicata da una segnaletica a muro pressoché completamente coperta dalle foglie degli alberi. La strada si impenna immediatamente e sale ininterrottamente per 8 km. I tratti pianeggianti (pendenza <5%) sono praticamente assenti. Giunti a Quarna, si devono seguire le indicazioni per il belvedere (860 m.).

Dati tecnici (rilevati con Polar CS400). Lunghezza totale della salita: circa 8 km; pendenza media: 7%; pendenza massima: 12%; dislivello totale scalato in ascesa: 540 m; tempo necessario: circa 1 ora. La temperatura a valle era di 27°C.

Esposizione. La salita è in gran parte all’ombra; solo il tratto finale di circa 1 km è al sole.

Punti di ristoro. L’unica fontanella d’acqua presente sul percorso è situata all’ingresso di Quarna, sulla destra.

Traffico motoristico. Per tutta la salita il traffico è virtualmente inesistente; l’ascesa in bicicletta è quindi un’esperienza quasi surreale, in un silenzio assoluto.

Fondo stradale. Praticamente perfetto.

Impressioni. La sponda occidentale del Cusio è incantevole, per lunghi tratti immersa nel verde dei prati e dei boschi, tra il lago e le colline. La salita per Quarna è piuttosto ripida, ma la sua regolarità e la frescura dagli alberi che la accompagnano per l’intera lunghezza attenuano molto la fatica. Il senso di pace e di solitudine è unico. Giunti a Quarna il panorama godibile dal belvedere è da brivido: il Cusio da Omegna a Gozzano sfavilla di riflessi blu e argento davanti alla grande distesa della pianura Padana, con Novara e Milano sullo sfondo. Si percepisce un senso di immensità.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
Be Sociable, Share!

Scrivi un commento